KA2 Youth EXC. “COSMIC”

KA2 Youth EXC. “COSMIC”

Creating OpportunitieS for Migrant InClusion

Riferimento del progetto: 2019-3-DE04-KA205-018532

Sovvenzione UE: 86.094.00 EUR

Programma: Erasmus+

Azione chiave: Cooperation for innovation and the exchange of good practices

Tipo di azione: Strategic Partnerships for youth

Durata: Start:  01-02-2020  End: 31-01-2022

‘Creating OpportunitieS for Migrant InClusion (COSMIC)’ è un partenariato strategico della durata di 24 mesi incentrato sulla promozione del volontariato giovanile come strumento per contrastare la discriminazione contro i migranti e i rifugiati tra le categorie giovanili e all’interno delle società di accoglienza in generale.

L’aumento dell’intolleranza, degli stereotipi e della discriminazione nei confronti dei migranti e dei rifugiati rappresenta una delle realtà più evidenti che influenzano la vita dei giovani. Dibattito politico e della società civile, in particolare nelle politiche europee più sensatamente colpite dai massicci flussi migratori e di rifugiati provenienti dall’Africa e dai Balcani. Regione del Medio Oriente. Eurostat quantifica in 164.300 il numero di cittadini extracomunitari che hanno chiesto asilo nell’UE-28 durante il terzo trimestre dell’anno 2017.

Nel suo Rapporto relativo al periodo compreso tra il 2015 e il 2016, la Rete Europea contro il Razzismo ha evidenziato una preoccupante tendenza all’aumento degli episodi di razzismo, discriminazione e aggressione contro i migranti, in coincidenza con l’intensificarsi della crisi migratoria e il conseguente picco di discorso politico anti-migrazione e politiche migratorie di esclusione in tutta l’Unione Europea. Il Rapporto ha inoltre individuato un aumento statistico della violenza contro i rifugiati e i richiedenti asilo in Europa.

Questo modello di discriminazione, stereotipi e attacchi (sia fisici che verbali) è alimentato da e alimenta uno scivolamento del dibattito pubblico sui migranti e sui migranti, migrazione verso una subalternità verso le categorizzazioni dicotomiche e le posizioni conflittuali espresse da populisti, estremisti e in generale movimenti di estrema destra, che sempre più spesso hanno accesso al dibattito pubblico e alla sfera delle politiche. I giovani sono particolarmente vulnerabili alla propaganda e ai messaggi razzisti e discriminatori, in particolare considerando il loro uso preferenziale dei Social Media, in cui questo tipo di discorso aggressivo e discriminatorio è sempre più diffuso. La necessità di creare le condizioni per la sensibilizzazione dei giovani al razzismo e alla discriminazione e il suo attivo contrasto nel campo della gioventù sono sottolineati dalla Strategia europea per la gioventù, che si prefigge l’obiettivo di sostenere lo sviluppo della consapevolezza culturale e il contrasto dei pregiudizi tra i giovani. COSMIC persegue questi obiettivi attraverso selezione e formazione di un gruppo di giovani volontari attivamente impegnati a contrastare i sentimenti e le pratiche di discriminazione tra i giovani come oltre a promuovere i valori positivi della tolleranza e del rispetto della diversità sanciti dall’identità e dalla cittadinanza europea.

Le attività COSMIC sono:

  • Ricerca e identificazione di buone pratiche europee per contrastare la radicalizzazione e i pregiudizi tra i giovani attraverso lo Storytelling, Art e Sport.
  • Selezione di un gruppo di 10 giovani per paese partner (5 di origine locale e 5 di origine migrante) per partecipare al processo educativo dell’empowerment consegnato nel progetto.
  • Implementazione di 3 Mobilità Giovanile mista (1 per paese partner) in cui i partner svilupperanno le conoscenze, le capacità e le competenze di giovani selezionati nell’impiego di strumenti non convenzionali di educazione non formale (narrazione, arte e sport) come strumenti di contrasto fenomeni di razzismo e xenofobia tra i loro compagni giovani, oltre a diffondere valori positivi di inclusione e tolleranza.
  • Attuazione di una serie di attività locali svolte dai giovani partecipanti in ogni paese partner verso un pubblico di loro coetanei (locali e migranti). Il focus delle attività sarà quello di trasmettere il messaggio educativo del progetto ai giovani delle realtà locali.
  • Sviluppo di risorse educative (Rapporti di ricerca, Manuale e Blog) in più lingue che consentano un’ampia accessibilità e divulgazione di risultati del progetto, producendo così un impatto diretto sul pubblico dei giovani e degli operatori giovanili nei paesi partner e in Europa in generale.

Eventi e Beneficiari del progetto:

Joint Staff Training Event:

N° di partecipanti: Totale 6 (2 per paese).

Età: 25+

Profilo: I responsabili di progetto di ogni organizzazione partner che partecipa al progetto.

Blended Mobility:

N° di partecipanti: Totale di 30 partecipanti (5 di origine locale e 5 di origine migrante per paese).

Età: 18-25 anni

Profilo: I giovani giocano un ruolo attivo nel contrastare gli stereotipi e le discriminazioni contro i migranti e i rifugiati tra i loro compagni giovani.

Local Phase:

N° di partecipanti: 10 partecipanti per partner, totale di 30 partecipanti (5 di origine locale e 5 di origine migrante per paese).

Età: 18-25 anni

Profilo: Giovani che giocano un ruolo attivo nel contrastare gli stereotipi e la discriminazione contro i migranti e i rifugiati tra i loro compagni. Le attività saranno condotte dai partecipanti del Blended Mobilities.

Obiettivi dell progetto:

Obiettivi del progetto / è a sostegno delle priorità identificate come segue:

  • Promuovere il volontariato giovanile come strumento per contrastare la discriminazione contro i migranti e i rifugiati tra le categorie giovanili e all’interno delle società di accoglienza in generale
  • Ricerca di buone pratiche europee per contrastare la radicalizzazione e i pregiudizi tra i giovani attraverso lo Storytelling, Arte e Sport.
  • Attuazione di 3 Blended Youth Mobilities (1 per paese partner) in cui i partner svilupperanno le conoscenze, le capacità e le competenze di giovani selezionati nell’impiego di strumenti non convenzionali di educazione non formale ( Storytelling, Arte e Sport) come strumenti per contrastare i fenomeni di razzismo e xenofobia
  • Implementare una serie di attività locali svolte dai giovani partecipanti in ogni paese partner verso un target di loro coetanei (locali e migranti).
  • Sviluppare risorse educative ( Report di ricerca e Manuale) in più lingue che consentano un’ampia accessibilità e divulgazione dei risultati del progetto, producendo così un impatto diretto sul pubblico dei giovani e degli operatori giovanili nei paesi partner e in Europa in generale.