info@minevaganti.org

Avdo

8×1000 Valdese Soul and Soil

Soul and Soil

 

Il progetto, presentato da Mine Vaganti NGO in collaborazione con il partner ugandese Soul X-pression, si propone di intervenire sulla situazione di abbandono ed esclusione sociale dei giovani di strada (Età 8-18) negli slum di Kampala tramite l’Educazione Attraverso lo Sport ed il rafforzamento delle capacità degli operatori giovanili locali.

Le attività previste sono le seguenti:

1- Seminario tematico di formazione sulle metodologie di ENF ed Educazione attraverso lo Sport rivolto ad operatori giovanili dell’organizzazione partner coinvolti nel lavoro sul campo con i giovani.

2- Giornate di Educazione attraverso lo Sport rivolte ai giovani di strada degli slum di Kampala.

Le attività educative saranno implementate dagli operatori locali del partner Ugandese in moduli settimanali di 3 giornate (5 ore per giornata) ciascuno. Le attività avranno luogo in modo differenziato per ciascuna fascia di età (8-12, 13-16, 16-18). Nell’ambito della preparazione degli eventi avrà luogo un trasferimento di equipaggiamento sportivo funzionale a creare le condizioni materiali per l’implementazione ed a porre le basi per un potenziamento strutturale delle attività in loco.

3- Torneo calcistico rivolto ai giovani a Kampala.

 

Read more

8×1000 Valdese Ti Vedo Ti Sento Ti Parlo 3

Ti Vedo, Ti Sento, Ti Parlo 3

 

Il progetto ha l’obiettivo di promuovere l’integrazione culturale e l’inclusione sociale tra popolazione locale e migranti agendo in particolare su stereotipi e pregiudizi. Si intende continuare il percorso iniziato con le precedenti edizioni integrando la linea educativa dell’Educazione Attraverso lo Sport (ETS).

Il progetto avrà luogo in 3 città del Nord Sardegna, Sassari, Tempio Pausania e Olbia, avrà la durata di 12 mesi e prevederà 3 fasi:

Fase 1 – attività preparatorie. Corsi della durata di 6 giorni nelle 3 città coinvolte al fine di trasferire conoscenze e strumenti per favorire il dialogo interculturale mediante l’utilizzo dell’Educazione Non Formale (NFE) e della (ETS).

Fase 2 – implementazione: 20 workshop di 1 ora e 30 nelle scuole partner di progetto con lo scopo di sensibilizzare gli studenti al tema dell’integrazione culturale. 6 workshop dedicati alla NFE e 6 alla ETS. Saranno creati video, fumetti, prodotti artistici e il Manuale per Giovani Promotori dell’Integrazione su tecniche NFE e ETS.

Fase 3 – divulgazione. Evento finale Passiamo la Palla all’Inclusione per massimizzare l’impatto con la realtà locale ed elaborare future collaborazioni con gli attori coinvolti.

Read more

8×1000 Valdese Ti Vedo Ti Sento Ti Parlo 2

Nel corso del 2016 abbiamo assistito ad un incremento della presenza di immigrati nel territorio della Sardegna, che si concentrano in particolar modo nelle grandi città creando troppo spesso comunità chiuse e poco integrate nel tessuto sociale.

Il progetto “Ti vedo, ti sento, ti parlo – II edizione” ha inteso continuare l’importante percorso iniziato con la precedente edizione del progetto, con l’obiettivo di prevenire la formazione di una cultura del razzismo, rispondendo alla sfida dell’integrazione con la proposta di una cultura delle differenze per una società coesa, inclusiva e solidale.

In particolare il progetto si è sviluppato nelle città di Sassari, Olbia e Tempio. Il progetto si è protratto nell’arco di  9 mesi suddividi nelle fasi di preparazione, implementazione e divulgazione dei risultati raggiunti. Il periodo di implementazione è stato da Marzo 2017 a Dicembre 2017.

Nel progetto sono stati coinvolti i seguenti partner:

  • Scuola Pitagora di Sassari
  • ITCG Attilio Deffenu Olbia
  • Liceo Artistico statale Fabrizio De Andrè Tempio Pausania
  • Università degli Studi di Sassari
  • ESN Sassari
  • Partecipazione e Sviluppo Onlus

Le scuole sono state coinvolte in un percorso di apprendimento interculturale e di sensibilizzazione ai temi dell’integrazione attraverso workshop incentrati sul dialogo interculturale utilizzando metodi di educazione non formale. Sono stati organizzati 3 cicli di 6 workshops di 1 ora e 30 ciascuno a cadenza bisettimanale. Il progetto si è concretizzato nella realizzazione di un video e di vari prodotti artistici.  

La Onlus Partecipazione e Sviluppo, che si occupa dell’accoglienza dei migranti, è stata coinvolta in una serie di incontri con gli studenti dell’Università degli Studi di Sassari e nell’evento finale con il compito di favorire la partecipazione attiva dei migranti che si trovano presso i centri di accoglienza gestiti dalla stessa ed ha contribuito all’organizzazione degli incontri formativi e dell’evento finale previsto dal progetto.

L’Università degli Studi di Sassari è stata coinvolta attraverso i Corsi di laurea in Scienze Politiche e in  Sicurezza e Cooperazione Internazionale. In tutto, 20 studenti hanno partecipato a 1 ciclo di 8 workshop della durata di 1 ora e 30 ciascuno a cadenza settimanale. Gli studenti hanno partecipato a degli incontri nei quali sono stati trattati i temi dell’immigrazione e dell’inclusione sociale riflettendo sulle possibilità di cooperazione e sviluppo dei territori interessati dal flusso migratorio. Sono stati coinvolti migranti di diverse nazionalità ospiti dei centri di accoglienza gestiti dalla Onlus che hanno partecipato presentando la loro esperienza e le problematiche  vissute nei paesi d’origine utilizzando la metodologia dello Storytelling che consiste nell’uso di procedure narrative al fine di promuovere meglio valori e idee. Sono stati organizzati dei workshop, tra i quali i Tandem Culturali e tavole rotonde durante i quali i ragazzi hanno condiviso e riflettuto sugli aspetti della propria cultura in una maniera interattiva ed innovativa. Si è inoltre lavorato nella creazione di prodotti per l’evento finale (materiale informativo, progetti, video con musiche e balli tradizionali).

L’associazione ESN Sassari ha offerto il proprio supporto nell’organizzazione dell’evento finale coinvolgendo studenti Erasmus che si trovavano a Sassari per un periodo di studio o tirocinio. ESN Sassari ha già esperienza nell’organizzazione di eventi di questo tipo in quanto ogni anno organizza l’EuroTrip coinvolgendo gli studenti stranieri.

Durante l’ultimo mese del progetto, si è realizzato un evento finale con lo scopo di valorizzare e disseminare i risultati del progetto condividendoli con la comunità locale e tutti i partner coinvolti nel progetto. L’evento, denominato World Trip, in quanto ha convolto anche ragazzi provenienti da paesi extraeuropei, si è sviluppato in una giornata presso la piazza Santa Caterina di Sassari (piazza del centro storico dove si riuniscono spesso giovani di diverse nazionalità) durante la quale tutte le persone coinvolte nel progetto, suddivise per nazionalità, hanno presentato la propria cultura attraverso la condivisione della tradizione culinaria e gastronomica del proprio paese d’origine. Ogni gruppo ha potuto disporre di un proprio stand nel quale esibire piatti tipici, oggettistica, video e materiale informativo di diversa natura. L’Evento ha rappresentato un momento di condivisione ed integrazione tra studenti di varie fasce d’età e persone di diversa nazionalità per favorire l’inclusione sociale e la sensibilizzazione.

 

  

 

 

 

 Poster-valdesi

 

Una mappatura di buone pratiche di integrazione dei migranti esistenti in Sardegna è stata realizzata come output del progetto

Manuale-buone-pratiche-II-edizione

 

I risultati della valutazione del progetto da parte dei partecipanti sono stati riportati nel presente Questionario

Questionario-scuole

Read more

MVNGO EYF 2018 “Let’s Be a Noisy Majority Against Political Extremism!”

MVNGO EYF 2018 “Let’s Be a Noisy Majority Against Political Extremism!”

“Let’s Be a Noisy Majority Against Political Extremism!” affronta la discriminazione e l’esclusione sociale legata a estremismi politici attraverso l’uso di metodi di educazione non formale.

LBNMAPE si compone di un’attività di Skills Development (Sassari, 03-08 Dicembre 2018) che coinvolgerà 20 potenziali leader giovanili in un programma di Educazione Non Formale finalizzato a promuoverne la loro capacità di diffondere valori positivi di integrazione e dialogo attraverso lo sviluppo di valori positivi all’interno delle loro comunità.

LBNMAPE continuerà ed espanderà ulteriormente il processo avviato da MVNGO nel contesto del precedente progetto EYF RAADH (ReAct to Avoid DiscriminHate), concentrandosi sulla risposta alle persistenti sfide dell’evoluzione multiculturale in Sardegna, sulla scia delle dinamiche migratorie globali.

Alla luce di quanto sopra, il progetto persegue le priorità del Consiglio d’Europa nel settore della gioventù per gli anni 2018-2019, promuovendo consapevolezza politica, cittadinanza attiva e partecipazione dei giovani al livello locale e regionale.

Manual-Be-PolEthical

Read more

Move Week 2014

Move Week 2014

10440091_1522498231329509_8954053016986351625_n

Una giornata all’insegna dello “Sport per Tutti” organizzata da UISP Sassari e Mine Vaganti NGO, due delle 5 organizzazioni italiane facenti parte del Network di ISCA che organizza la settimana europea dello sport, la MOVE Week.
Domenica 5 Ottobre 2014, nel fantastico scenario del Parco di Bunnari a Sassari sono state proposte diverse attività sportive:
Corsa, Trekking, Ginnastica Dolce, Arrampicata, Tiro con l’Arco, Equitazione, Attiività propedeutica al Surf, Mini Volley, Basket 3×3, Pallamano, Ballo Sardo, Sport ed Educazione Non Formale con Mine Vaganti NGO.
La giornata ha avuto anche momenti di intrattenimento, natura, musica e ristoro con ingresso libero.
L’evento ha fatto parte della campagna europea Now We Move.
Now we Move è una campagna europea, organizzata da ISCA (International Sport and Culture Association) in collaborazione con ECF (European Cyclists’ Federation) che punta a combattere la sedentarietà, ribaltare gli sconcertanti dati sull’attività fisica tra giovani e meno giovani in Europa e avvicinare quanti più cittadini possibile a sani stili di vita attraverso una corretta attività motoria.
Evento di punta della campagna è MOVE Week, una settimana dedicata alla promozione dello sport e dell’attività fisica, che si è svolta dal 29 Settembre al 5 Ottobre 2014.

Read more

Grundtvig Workshop “Overcome Borders-Gain Mobility”

Grundtvig Workshop “Overcome Borders- Gain Mobility”

MVNGO ha preso parte al workshop GRUNDTVIG “Overcome Boders- Gain Mobility” implementato a Berlino dall’organizzazione tedesca “Comparative Research Network” (CRN) tra il 14 ed il 20 di Luglio del 2013.

Il Workshop si è focalizzato sulla tematica della concezione dei confini territoriali e di come questa di dia evoluta nel tempo. La tematica è stata affrontata a partire dall’evoluzione dei processi di integrazione (principalmente nella cornice europea) e di globalizzazione, nel cui contesto si è registrata una sostanziale e significativa ridefinizione delle appartenenze identitarie e culturali, la cui porosità ed indeterminatezza si pone in significativo contrasto con la rigidità (sovente esclusiva, violenta ed assoggettante) assunta dalle linee di demarcazione territoriale in ere più risalenti nel tempo.

In questa prospettiva, la location berlinese è stata prescelta in quanto microcosmo storico-geografico delle dinamiche politiche e territoriali caratterizzanti fasi di acuto conflitto globale (con particolare riferimento alla Guerra Fredda).

Nel corso del workshop si è discusso su come progredire verso un superamento del concetto di confine in una prospettiva futura e si è cercato di sviluppare una riflessione circa l’arbitrarietà delle distinzioni e delle barriere caratterizzanti il concetto di frontiera.

Read more

Fondazione Banco di Sardegna Decisamente Abili! Follow Up

 Decisamente Abili! Follow Up

“Decisamente Abili!” è stato un’azione di follow up dell’Iniziativa Giovani (Programma Gioventù in Azione) di Mine Vaganti NGO e finanziata dalla Fondazione Banco di Sardegna.

Il progetto è nato dall’intento  di creare un gruppo di giovani in grado di poter svolgere attività di volontariato sul territorio a supporto di associazioni già esistenti, come Mine Vaganti NGO e Associazione “Amici del Sorriso”.

La prima, che promuove la mobilità europea attraverso programmi comunitari, dopo aver preso parte ad una Study Session sulla disabilità fisica, ha coinvolto la seconda, che da anni lavora con giovani con sindrome di down proponendo metodi teatrali innovativi per includerli nella comunità gallurese.

Come associazione Mine Vaganti NGO abbiamo sperimentato queste dinamiche prendendo parte ad alcuni progetti europei, grazie alla partecipazione ad attività promosse da vari programmi comunitari come Gioventù in Azione, ad esempio.

Obiettivo unico e fondante dei due attori coinvolti, Mine Vaganti NGO e Amici del Sorriso,  è la condivisione di competenze: i “diversamente abili”, a seconda del contesto, sono stati i ragazzi disabili o i giovani ragazzi galluresi; sì è arrivati alla fine del progetto avendo ottenuto nuove abilità e un’accettazione costruttiva dei propri limiti in entrambi i gruppi, che sono stati finalmente uniti nell’essere Decisamente Abili!

Grazie alla Fondazione Banco di Sardegna è stato possibile implementare ulteriori attività integrative a sostegno di quelle già attuate durante l’Iniziativa Giovani.

 

Read more

GNRD Fondazione Norvegese

Progetto Fondazione GNRD

 

11214067_943314055742390_1998199030355501738_n 11218761_943314522409010_4125650189827341371_n 11222190_943315009075628_8273076900733510916_n 11800334_943314132409049_2700957917019767430_n 11816798_943315019075627_3627396551642633808_nMine Vaganti NGO lavora con la fondazione norvegese Fondazione GNRD, The Global Network for Rights and Development (GNRD).

Martedi 28 Luglio 2015, Mine Vaganti NGO ha implementato un’azione locale finanziata da GNRD, “I Have the Right to Play”.

The Global Network for Rights and Development (GNRD) è un’organizzazione internazionale non governativa fondata nel giugno 2008 con l’obiettivo di valorizzare e sostenere sia i diritti umani che lo sviluppo con l’adozione di nuove strategie e politiche per un cambiamento reale e duraturo.

GNRD ha ideato il progetto “I Have a Right to Play” (GNRD-RTP) per utilizzare il potente strumento dello sport come strumento di sensibiiizzazione alla conoscenza dei diritti umani.

Con questo progetto ci si è proposti di mettere a fuoco i diritti disuguali dei bambini a giocare in un ambiente sicuro e ci si è concentrati sul sostegno ai gruppi più vulnerabili di bambini in tutto il mondo, sostenendo e sensibilizzando l’opinione pubblica sulle loro cattive condizioni sociali ed economiche.

Read more

KA2 Youth “Improve+”

Improving Youth Employment in Volunteering Across Europe Project (Improve+)

Pagina Facebook del Progetto

Il progetto è un partenariato strategico nel campo della gioventù coordinato dall’organizzazione portoghese ADAMASTOR con MVNGO nel ruolo di organizzazione partner. Il progetto prevede un consorzio di 10 partner provenienti da Portogallo, Italia, Spagna, Slovacchia, Turchia, Ucraina, Regno Unito, Germania e Lituania.

Con l’aumento dei tassi di disoccupazione giovanile in tutta Europa, l’istruzione formale non garantisce più un lavoro. Molti giovani stanno cercando soluzioni, e il Servizio di Volontariato Europeo (EVS) è una di esse per migliaia di giovani ogni anno. Ma l’EVS aumenta l’occupabilità dei volontari? Può la qualità di questi progetti essere aumentata per rendere i volontari EVS più attrezzati per il mercato del lavoro dopo il loro ritorno a casa? Come si possono creare queste condizioni? Queste sono le domande alle quali il progetto mira a rispondere.

Il progetto intende aumentare la qualità dei progetti EVS con l’obiettivo di aumentare l’occupabilità dei volontari EVS. Il progetto dura un totale di 24 mesi, nel cui contesto saranno attuate le seguenti attività specifiche:

1- Corso di formazione per gli operatori giovanili in Portogallo (Viseu), seguito da tre ulteriori corsi nel paese. I partecipanti rifletteranno su come si possa migliorare il senso della cittadinanza europea tra i volontari EVS, nonché su come aumentare il loro senso di iniziativa e di imprenditorialità. Inoltre, si esplorerà come utilizzare glistrumenti digitali nel lavoro degli operatori giovanili con i volontari EVS esull’importanza dell’interculturalità e della tolleranza in questo tipo di progetti.
2- Elaborazione di un Toolkit per l’Occupabilità che diventerà una risorsa libera di formazione aperta disponibile a tutte le entità operanti nell’EVS in tutta Europa. Il progetto utilizzerà metodi di istruzione non formale e informale e aumenterà la capacità delle organizzazioni partecipanti, dei partecipanti e della comunità locale di ciascuna organizzazione.
3- Azioni di diffusione volte ad estrarre il massimo potenziale d’impatto coinvolgendo un pubblico più ampio, al fine di coinvolgere migliaia di organizzazioni, giovani e lavoratori giovanili in tutta Europa.

Read more

KA2 Adults “Educitizens”

EDUCITIZENS

 

MVNGO è partner nel progetto Erasmus Plus KA2 Adults “Educitizens”, coordinato dall’organizzazione tedesca “Comparative Research Network”, con la partecipazione di un Consorzio internazionale di 6 partner: Suomen ympäristöopisto SYKLI oy (Finlandia), Federação das Associações Juvenis do Distrito do Porto (Portogallo), Mine Vaganti NGO (Italia), Yildirim Beyazit Universitesi (Turchia), Stowarzyszenie Pastwisko.org (Polonia), European Geography Association for Students & Young Geographers (Paesi Bassi).

Il progetto ha una durata complessiva di 25 mesi (Settembre 2016- Settembre 2018).

WEBSITE

FACEBOOK

La strategia per la gioventù dell’UE cerca di incoraggiare i giovani a partecipare nei processi democratici e sociali.

I metodi adottati comprendono lo sviluppo di meccanismi per impegnarsi nel dialogo con i giovani e facilitare la loro partecipazione alla definizione delle politiche nazionali e sostenere i modi di “educazione alla partecipazione” fin dalla più tenera età.

Il progetto proposto affronterà quindi gli obiettivi della dichiarazione di Parigi sulla promozione della cittadinanza e i valori comuni della libertà, della tolleranza e della non discriminazione attraverso l’educazione. Nel 2015, il ministro europeo dell’istruzione ha annunciato un supporto specifico all’educazione politica per combattere la radicalizzazione. L’individuazione di buone pratiche nell’educazione alla partecipazione ed alla cittadinanza contribuirà a sviluppare competenze sociali, democratiche e interculturali nei discenti e ne faciliterà anche lo sviluppo del pensiero critico e delle competenze mediali.

In tutta Europa, la partecipazione dei cittadini è spesso ostacolata da una mancanza di informazioni, di comunicazione e di cooperazione tra gli interessati, nonché da un accesso limitato alla conoscenza delle opzioni disponibili per esprimere gli interessi locali. I cittadini e gli stakeholders richiedono pertanto una panoramica degli attuali strumenti e metodi di formazione che possono aiutare a superare tali barriere alla partecipazione.

Tuttavia, negli ultimi anni un vasto numero di strumenti e metodologie è stato sviluppato nei diversi settori dell’istruzione e nei sistemi nazionali. Crediamo che, invece di reinventare i metodi, sia più produttivo valutare quelli esistenti in tutti i settori, individuare le buone pratiche, raccoglierle, rivederle e condividerle in un formato specifico. Di conseguenza, il consorzio del progetto è costituito da partner di diversi settori dell’istruzione, che coprono l’ambito geografico di tutta l’Europa.

Le situazioni concrete in cui i risultati del progetto avranno un impatto sono:

Formazione professionale per gli operatori che lavorano nell’empowerment dei cittadini, soprattutto quelli in condizioni di vulnerabilità (minoranze etniche, persone che soffrono di povertà strutturale, persone disabili, ecc.): Lavoratori sociali, agenti di sviluppo locale, membri di associazione civile, insegnanti e qualsiasi altro professionista.

Educazione degli adulti, nel cui contesto si avverte la necessità di metodi innovativi per potenziare la partecipazione dei cittadini nel quadro di programmi a livello locale.

Altri contesti di formazione, quali l’istruzione superiore, l’educazione primaria e secondaria ed i programmi per la gioventù.

Il summenzionato processo di costruzione di capacità a livello degli insegnanti avrà un ulteriore impatto su tutti i discenti, migliorandone le capacità personali ed in questo modo incrementandone l’occupabilità.

I progetti precedenti dei diversi partner nel contesto delle buone prassi hanno dimostrato che un’analisi transnazionale produce risultati estremamente rilevanti e trasferibili, complementari e velocemente applicabili in altri paesi. Per questo motivo, oltre alla ricerca di risposte a livello europeo sulla partecipazione, il progetto ha carattere transnazionale.

Il progetto si propone di creare una griglia di valutazione per identificare le migliori pratiche nella costruzione della cittadinanza e raccogliere tali pratiche in un manuale metodologico. Questo manuale può essere inteso come un inventario di metodologie per formatori, insegnanti e altre figure professionali di facilitatori per la creazione di linee guida innovative e testate a livello europeo ed in tutti i settori educativi. Il progetto si protrarrà lungo l’arco di due anni e si comporrà di una serie di incontri multinazionali (ogni partner ne organizzerá uno) dove verranno presentati e discussi i metodi costituenti buone pratiche.

La griglia ed il manuale di buone pratiche avranno natura aperta e potranno essere utilizzati da istituzioni operanti in tutti i settori dell’istruzione nell’ambito dell’apprendimento formale e non formale. Il progetto può essere inteso come una pre-valutazione delle necessità di creare e verificare curricula di livello europeo in materia di costruzione della cittadinanza. Il progetto è diretto a formatori e insegnanti di tutti i settori educativi.

Attraverso la condivisione di buone pratiche di partecipazione e cittadinanza ci proponiamo di determinare un impatto su tutti i livelli: amministrativi, organizzativi e educativi. Ci aspettiamo che i partecipanti al progetto possano ampliare le proprie conoscenze riguardo la partecipazione, la formazione e la cittadinanza e su come questi concetti vengono sviluppati in Europa.

Read more
Facebook