info@minevaganti.org

Avdo

Capacity Building Youth “Art for Social Change”

Art for Social Change

 

Website

MVNGO è partner nel progetto Erasmus Plus Capacity Building Youth “Art for Social Change”, coordinato dall’organizzazione bulgara Open Space, con la partecipazione di 3 organizzazioni partner: Soul-Xpressions (Uganda), Chamwino Arts Center (Tanzania) e Mine Vaganti NGO (Italia).

Il progetto si dispiega in due differenti edizioni della durata di due anni ciascuna: la prima edizione si é svolta dal 2014 al 2016 e le attività sono state implementate in Bulgaria e Tanzania, mentre la seconda edizione del progetto si sta svolgendo nel biennio 2017-2018, con eventi in Bulgaria, Italia, Tanzania ed a Kampala (Uganda).

L’obiettivo del progetto è quello di supportare le organizzazioni in Europa ed in Africa a sviluppare la loro capacità di lavorare con i giovani per la soluzione della vasta gamma di problemi che incontrano nella loro vita.

Obiettivi:

– Creazione di strumenti per lo sviluppo di capacità di leadership e competenze di base nei giovani (competenze di apprendimento, spirito di iniziativa, competenze sociali e civiche, competenze digitali);

– Svolgimento di lavoro sul campo tramite l’organizzazione di campagne ed attività di informazione, iniziative giovanili a partecipazione internazionale ed azioni locali;

– Analisi e riconoscimento dell’apprendimento non formale e su base indipendente dei giovani e degli operatori giovanili mediante la promozione del lifelong learning e la disseminazione di buone pratiche;

-Promozione di un sistema basato sulla rete per la condivisione di informazioni e risorse educative aperto alle organizzazioni partner ed all’insieme degli stakeholder.

I leader giovanili coinvolti e formati nel corso del progetto si proporranno come parte attiva nell’espansione del raggio di influenza delle organizzazioni partner e nella promozione del cambiamento sociale, supportando più efficacemente i giovani nella vasta gamma di problemi che incontrano nella loro vita.

Il progetto coinvolgerà giovani che versano in condizioni di povertà ed affetti da un grave rischio di abbandono scolastico precoce. Favorendo lo sviluppo della loro immaginazione, creatività, forza interiore e la fiducia in se stessi, dimostreremo come i giovani svantaggiati possano sfuggire alla povertà, diventare elementi attivi all’interno della società e condurre una vita felice, sana e produttiva. Entro la fine del nostro lavoro produrremo una relazione sui risultati e sull’impatto del programma “Erasmus +” nei paesi partner.

 

Read more

Fondazione Con il Sud Together For Tavolara

Together For Tavolara

Mine Vaganti NGO, in collaborazione con l’Area Marina Protetta Tavolara Punta Coda Cavallo, ha coordinato un progetto sostenuto dalla Fondazione CON IL SUD, “Together for Tavolara”, con un network di 10 partner italiani altamente specializzati nel settore dell’istruzione e della ricerca, della nautica e della vela.
I partner coinvolti nel progetto sono: l’Area Marina Protetta Tavolara Punta Coda Cavallo; Associazione Slow Dive; Centro Nautico Levante; Reef Check; ITCG Attilio Deffenu di Olbia; Be The Change; Università degli Studi di Sassari; Comune di Olbia; Comune di Loiri – Porto San Paolo e il Comune di San Teodoro.

Il progetto è sostenuto dalla Fondazione CON IL SUD, un ente non profit privato che promuove l’infrastrutturazione sociale del Mezzogiorno, la tutela dell’ambiente e la valorizzazione dei beni comuni.
“Together for Tavolara” è stato finanziato nell’ambito del Bando Ambiente 2015, con il quale la Fondazione CON IL SUD ha rinnovato il proprio impegno sul tema della tutela e valorizzazione dei beni ambientali nei territori meridionali.

La solida collaborazione tra Mine Vaganti NGO e AMP Tavolara Punta Coda Cavallo nasce nel 2012 quando una realtà che opera con successo nella progettazione europea in svariati programmi incontra il consolidato Consorzio di Gestione dell’AMP Tavolara Punta Coda Cavallo e avvia una serie di programmi incentrati sulla tutela ambientale. Questo ha portato all’ideazione di un progetto per la salvaguardia del patrimonio naturale dell’Area Marina Protetta di Tavolara Punta Coda Cavallo attraverso la citizen science, sensibilizzando studenti e appassionati di immersioni subacquee sulle problematiche relative alle specie alloctone e coinvolgendoli nella raccolta dati e nel monitoraggio delle specie presenti nel parco. Insieme, queste hanno poi creato una rete a livello locale costruendo un Consorzio di 10 partner che ha presentato la proposta progettuale.

L’architrave del progetto è rappresentata dal concetto di “Citizen Science”, che l’Oxford Dictionary definisce come “La raccolta e l’analisi di dati da parte di un pubblico, che prende parte a un progetto in collaborazione con scienziati professionisti.

“Together for Tavolara” ha portato aventi azioni di cittadinanza attiva e attività di sensibilizzazione ambientale dell’Area Marina Protetta Tavolara Punta Coda Cavallo. Il progetto della durata di 2 anni è consistito in attività marine e terrestri volte a coinvolgere gli studenti dell’ITCG Attilio Deffenu di Olbia, gli studenti dell’Università degli Studi di Sassari e tutta la popolazione dell’area circostante. Le linee di intervento sono 4:
educazione non formale su tematiche legate alla tutela ambientale;
attività subacquee e di snorkeling;
attività a terra;
raccolta ed analisi di dati.

Le attività di monitoraggio in mare si sono svolte da giugno a ottobre 2016, le attività di monitoraggio delle aree costiere si svolgeranno nella primavera-estate 2017.

Per maggiori informazioni scrivere a: partenzemine@gmail.com.
Per restare sempre aggiornato sugli eventi del progetto, segui la pagina Facebook https://www.facebook.com/TogetherForTavolara/

 

Brochure-TfT(1)

Brochure-TfT 2


locandina-TT2(1)

 

Read more

NHEI Consortium Mobilità Staff e Docenti

MVNGO gestisce il National Higher Education Consortium dal 2015, in cooperazione con 8 Università Italiane (Università degli Studi di Sassari, Università degli Studi di Cagliari, Università “Kore” di Enna, Università degli Studi di Messina, Università Tor Vergata di  Roma, Accademia di Belle Arti “Mario Sironi” di Sassari, Accademia delle Belle Arti di Macerata, Università degli Studi di Foggia).
In aggiunta e complementariamente alla dimensione della mobilità studentesca, il NHEI Consortium offre borse di mobilità a fini di formazione (Staff Mobility for Training) al personale tecnico-amministrativo e borse di mobilità a fini di docenza (Staff Mobility for Teaching) ai docenti e ricercatori degli Istituti di Istruzione Superiore aderenti nell’ambito del Programma Erasmus+.
La mobilità a fini di formazione è destinata a sostenere lo sviluppo professionale del personale mediante eventi di formazione all’estero (esclusa la partecipazione a conferenze) e periodi di Job Shadowing/periodi di osservazione/formazione presso una  Università  partner  o  un’impresa  estera. La mobilità a fini di docenza permette di effettuare un periodo di docenza all’estero nell’ambito di un programma di mobilità concordato con Università titolari di Carta Universitaria ERASMUS (ECHE), con cui sia stato stipulato uno specifico accordo interistituzionale. Possono presentare candidatura il personale delle Università partner del Consorzio.
Nel corso dell’anno accademico 2017/2018 il NHEI Consortium offrirà 10 borse di mobilità per lo staff e 3 per  docenti.
Read more

Europe For Citizens Gemellaggio Tempio Pausania-Barcelos

Beyond the borders: Active Citizens build a new European perspective

12809876_1552010035127969_1401613732_o
Mine Vaganti NGO ha ideato e scritto un progetto di gemellaggio per conto del Comune di Tempio Pausania. Il progetto è stato implementato a Marzo 2016 con una settimana di attività in Sardegna e l’arrivo di 30 rappresentanti del Comune di Barcelos, Portogallo.
Il progetto “Beyond the borders: Active Citizens build a new European perspective” aveva lo scopo di costruire una rete di partner attivi nel settore della cittadinanza attiva in due città interne del Mediterraneo colpite dal fenomeno dello spopolamento.

I principali obiettivi: promuovere la cooperazione transnazionale tra l’Italia e il Portogallo, la condivisione e il trasferimento di informazioni, buone pratiche e conoscenze per migliorare la qualità della vita nelle aree depresse interne aumentando le loro opportunità e stimolando la cittadinanza attiva.

L’obiettivo generale del progetto è stato quello di stimolare azioni di cittadinanza attiva tra i due paesi, al fine di facilitare il dialogo interculturale e per promuovere il senso di solidarietà.

Entrambi i Comuni si trovano ad affrontare gravi problemi ed entrambi appartengono a zone davvero depresse (influenzati dalla isolamento geografico: Regione di campagna interna in Gallura e la regione nord del Portogallo) e la loro economia si basa principalmente sul terzo settore.

Tempio Pausania e Barcelos condividono tradizioni simili ed entrambi hanno realizzato diverse azioni locali basate sulla promozione della cittadinanza attiva (volontariato, università della terza età, turismo sociale) che sono diventate nel corso degli anni una forte colonna della popolazione.

In tempo di crisi economica, stimolare la solidarietà tra i cittadini anche attraverso azioni locali significa contrastare il senso di isolamento e di frustrazione che colpisce la maggior parte della popolazione.

Il comune di TP ha ospitato 50 persone di diverse età da entrambi i comuni per creare un momento di conoscenza e di comprensione reciproca e un’occasione di scambio di idee, sensibilizzazione sui problemi comuni e studio di soluzioni, favorendo la cittadinanza attiva e assaporando il piacere di incontrare l’altro.

Attività svolte:

  • Network Piattaforma di rete: insieme per creare un’azione di scambio di volontari e futuri progetti comuni europei
  • Creazione di un evento comune: la festa della solidarietà

Read more

K1 Youth YE Ass. Pitagora “You Parkour”

“You Parkour!” è stato uno Scambio giovanile attuato a Sassari dal 20 al 27 aprile 2018.

Il progetto è stato applicato dall’Associazione Paritaria Pitagora (ACP), con il supporto di MVNGO nella progettazione e realizzazione del progetto.

MVNGO e ACP hanno sviluppato una cooperazione di lunga data, sotto la cui cornice MVNGO ha supportato e supporta l’Associazione nello sviluppo e nell’attuazione delle sue proposte progettuali nel settore della mobilità Erasmus Plus KA1.

Lo Scambio Giovanile ha coinvolto 44 giovani potenziali leader giovanili di età compresa tra 14 e 20 anni provenienti dai paesi partner, Svezia e Italia

Lo scopo del progetto è stato promuovere metodologie creative e innovative di educazione non formale tra Svezia e Italia basate sulla combinazione tra Hip Hop e Parkour come forme di espressione artistica (Street Arts).

Il Parkou e l’Hip Hop sono stati selezionati come metodi educativi alla luce del loro essere perfetti veicoli di comunicazione per raggiungere i giovani di oggi, abilitandoli a perseguire il cambiamento sociale al livello delle loro comunità.

Gli obiettivi di apprendimento dello Scambio Giovanile sono stati:

  • Incrementare la conoscenza circa le tematiche urbane e rivitalizzare gli spazi decadenti dei centri cittadini stimolando la partecipazione attiva dei giovani.
  • Esplorare nuovi strumenti creativi di Educazione Non Formale che consentissero ai giovani di diventare futuri Youth leader, risolvendo le problematiche delle loro comunità.
  • Promuovere il dialogo interculturale e lo scambio reciproco tra Italia e Svezia.
  • Promuovere uno stile di vita salutare attraverso strumenti alternativi come il parkour.

 

Read more

H2020 Call 2019

MVNGO sta attualmente lavorando alla preparazione di una proposta di progetto nel quadro della Call Horizon 2020 “Open schooling and collaboration on science education” (Deadline: 7 novembre 2019) come ente esponenziale di un consorzio di organizzazioni partner internazionali.

L’obiettivo principale della presente Call è la creazione di nuove partnership nelle comunità locali per promuovere una migliore educazione scientifica per tutti i cittadini. Le proposte di progetto ammissibili comprendono azioni basate sulla collaborazione tra i settori educativi formali, non formali e informali, imprese e società civile volte ad integrare il concetto di scuola aperta (attraverso i vari livelli dell’istruzione scolastica) nell’insegnamento delle scienze.

Ai fini del bando, la “scuola aperta” (open schooling) è considerata come un’impostazione di carattere generale nella quale le scuole, in cooperazione con altri stakeholder agiscono come agenti di promozione del benessere della comunità, le famiglie sono incoraggiate a divenire parte attiva nella vita / nelle attività scolastiche, ed i professionisti del mondo economico / del terzo settore (incluse le NGO) sono coinvolti nel trasferire progetti reali nell’aula di studio.

La proposta attualmente in fase di sviluppo da parte di MVNGO si concentra sulla Citizen Science come approccio partecipativo alle questioni verdi ed all’educazione ambientale.

Read more

Grundtvig In-Service Training Education and Sport for All

Education and Sport for All

Mine Vaganti NGO ha implementato un Grundtvig Training Course dal 5 al 9 Aprile 2014 con la partecipazione di 5 professionisti nel settore sportivo.

L’obiettivo principale del corso di formazione è stato quello di condividere con i partecipanti, adulti e già addetti ai lavori, conoscenze e metodologie su come utilizzare lo sport come strumento educativo per l’inclusione sociale  nell’ambito dell’educazione non formale.

Il corso di formazione si proponeva di dimostrare come sia possibile creare giochi sportivi in base alle specifiche esigenze delle persone con bisogni speciali promuovendo lo sviluppo di attività concrete rivolta all’intera comunità di riferimento.

Questi giochi sono chiamati “giochi adattivi”, in quanto sono adattabili in base alle capacità e ai bisogni specifici dei partecipanti: tutti sono posti allo stesso livello in quanto  attivamente coinvolti nel gioco. I partecipanti hanno analizzato il potere aggregativo dello sport, inteso come strumento di lotta contro la discriminazione.

Gli obiettivi di apprendimento del corso di formazione sono stati i seguenti:
– Dimostrare come lo sport possa essere un perfetto strumento  di inclusione sociale,  stimolando l’attività di persone con minori opportunità (per esempio diversamente abili);
Abbattere gli stereotipi nei confronti dei gruppi vulnerabili, fornendo ai partecipanti una buona conoscenza dei concetti di inclusione / esclusione sociale ,  discriminazione ed educazione ai diritti umani ;
– Creare una rete internazionale di professionisti, volontari, associazioni finalizzata a diffondere le buone pratiche a livello internazionale.

Read more

Photovoice Comune di Olbia

Photovoice

Dal 9 Novembre al 16 Dicembre 2016 si è svolto il Progetto “Photovoice” presso l’Istituto di Istruzione superiore Amsicora di Olbia.

Il Progetto è stato finanziato dal Comune di Olbia ed implementato da MVNGO

Le attività hanno coinvolto due classi terze dell’Istituto e sono state realizzate da due collaboratori di Mine Vaganti NGO, un trainer esperto di Educazione Non Formale e un facilitatore.

“Photovoice Olbia” è un progetto che ha coinvolto giovani dai 16 ai 18 anni dell’Istituto Superiore Amsicora IPIA, attraverso l’utilizzo di mezzi di comunicazione come foto e video, sviluppando la loro creatività e mettendola a servizio della cittadinanza attraverso la promozione della cittadinanza attiva. “Photovoice Olbia” ha attivato un percorso che ha permesso ai giovani di sviluppare punti di vista su ciò che li circonda e utilizzarli come leve per il cambiamento sociale, mediante l’utilizzo della fotografia, dei video e discussioni di gruppo. Il linguaggio dell’immagine facilmente fruibile, soprattutto tra i giovani, grazie allo sviluppo del digitale e di mezzi diffusi come gli smartphone, è stato coniugato con un linguaggio testuale, dando luogo ad una originale ed innovativa metodologia di ricerca e analisi della città e delle esperienze di vita quotidiana, che ha contribuito allo sviluppo critico dei ragazzi coinvolti, dando voce a soggetti o luoghi emarginati della città.

Manuale PHOTOVOICE OLBIA

 

Read more

Chance for a Change

Change for a Change

Chance for a Change (CFC) è stato un progetto di Mine Vaganti NGO che ha avuto come scopo quello di sviluppare competenze verdi nel Nord della Sardegna con una duplice dimensione:
-formativo/imprenditoriale: attraverso laboratori si sono sviluppate nuove competenze in grado di garantire la possibilità di sviluppo di nuove forme di impiego e autoimpiego alternative e compatibili con l’economia turistica che caratterizza il territorio gallurese;
-filantropica/volontariato: vecchi oggetti e beni di prima necessità sono stati destinati alle popolazioni colpite dall’alluvione o a fini artistici.
Di fondo, abbiamo inteso promuovere un comportamento sostenibile nel rispetto di un ambiente martoriato dalla recente alluvione e creare modelli di comportamento che aiutassero anche i bilanci economici familiari/personali, favorendo uno stile di vita sostenibile per affrontare fuori dalla crisi economica, cercando di ridurre al minimo i consumi e gli sprechi nella società postmoderna.
Mine Vaganti NGO in cooperazione con il comune di Olbia e l’Area Marina Protetta di Tavolara ha iniziato un percorso che ha come punto centrale la promozione di progetti sul tema ambientale (workshop informativi, giornate di educazione ambientale, progetti sul territorio di valorizzazione dell’ecosistema circostante,pedalate ecologiche, fiere di prodotti a km 0 ecc).
Sono stati già organizzati 2 progetti europei afferenti la tematica.
Nell’idea di stimolare una nuova Cittadinanza Europea Attiva è stato messo in rete un laboratorio di idee, che ha permesso di creare delle solide partnership anche con realtà estere.
Si sono alternati seminari, dibattiti nelle scuole, convegni, indagini e workshop sulle politiche giovanili.
L’obiettivo non è stato solo quello di aumentare le conoscenze ma anche le motivazioni, gli strumenti e l’esperienza pratica per dare vita ad una sinergia territoriale.
Il progetto “Chance for a Change” è stato un tavolo di lavoro generativo di idee concrete da attuarsi sia a livello locale che europeo.
Sotto il profilo educativo e formativo ci si propone di coinvolgere 450 partecipanti di ogni età (dando però priorità ai giovani) e:
– Favorire flussi di conoscenze tra partecipanti ed esperti che attraverso le loro competenze hanno fornito informazioni utili e porteranno esempi concreti di successo.
Aumentare la consapevolezza dei giovani sul loro ruolo fondamentale nelle aree rurali. E’ stato posto l’accento su come essi debbano essere i protagonisti del processo di trasformazione sociale verso modelli più sostenibili ed innovativi da punto di vista ambientale e occupazionale.
Arricchire le conoscenze sull’ambiente e sulla sua rilevanza sociale.
– I giovani sono stati coinvolti in attività di approfondimento su argomenti specifici quali la raccolta differenziata, riciclo, energie rinnovabili e le green skills.
E’ stato inoltre analizzato il potenziale operativo del connubio tra ambiente e nuove tecnologie .
– Aumentare la comprensione delle istituzioni e delle politiche europee in connessione alle tematiche ambientali e dell’imprenditoria giovanile.
– Esaminare le opportunità (bandi e fondi e percorsi formativi) a disposizione per la promozione delle proprie idee e progetti.
– Analizzare le best practice locali e internazionali relative all’imprenditoria giovanile, alla riqualificazione del territorio rurale in una prospettiva ambientalista e partecipativa attiva dei giovani.
Oltre alla presenza di docenti, è stato costante il supporto dello staff di MVNGO e di AMP, sempre presente durante le fasi di laboratorio, garantendo attraverso la grande esperienza la qualità degli stessi.

 

Read more

Grundtvig Workshop “Inclusive Methods on Foreign Language”

Inclusive Methods on Foreign Language

Dal 8 al 16 Settembre ha avuto luogo ad Olbia (Loc. Pittulongu) un progetto internazionale “Inclusive Methods on foreign languages” (Grundtvig Workshop) che ha visto la partecipazione di 20 insegnanti e social workers attivi nell’insegnamento delle lingue straniere agli immigrati o a soggetti con minori opportunità in contesti multietnici.

Il tema del progetto “Inclusive Methods on Foreign Languages” è stato quello di trasferire conoscenze su metodi innovativi di educazione non formale legati all’alfabetizzazione linguistica, in quanto l’obiettivo principale si è identificato con la formazione di educatori che possano utilizzare l’educazione non formale come mezzo per facilitare il processo di apprendimento.

Durante la settimana sono stati illustrati le principali metodologie ed attività replicabili in fase d’aula (presentazioni, dibattiti e workshop). Il progetto è stato promosso dalla Commissione Europea DG Istruzione e Cultura nell’ambito del Lifelong Learning Programme (Grundtvig), e curato da Mine Vaganti NGO, con la supervisione dell’Agenzia nazionale Indire.

L’obiettivo del passato Programma Settoriale Grundtvig Workshop era quello di permettere esclusivamente allo staff docente e ai professionisti nel terzo settore impegnati nell’ambito dell’alfabetizzazione degli adulti di seguire un’attività utile al proprio sviluppo professionale per migliorare la propria comprensione della dimensione Europea dell’insegnamento ad adulti con necessità di alfabetizzazione, conoscere i sistemi educativi europei nell’ambito dell’alfabetizzazione degli adulti e migliorare le proprie capacità necessarie ad un adeguato coinvolgimento nei processi di alfabetizzazione degli adulti. Data la particolare struttura dell’attività, tutti i partecipanti vengono incoraggiati a condividere attivamente le proprie competenze e le proprie idee.

Il progetto è stato rivolto a uno specifico target di riferimento: adulti con esperienza nel mondo dell’alfabetizzazione linguistica con l’obiettivo di apprendere le principali tecniche di educazione non formale da poter utilizzare in fase d’aula con i propri discenti. Obiettivi di apprendimento dell’evento, attraverso l’educazione non formale sono:

1. Alfabetizzazione linguistica: buone prassi, metodi e strumenti

2. Educazione non-formale e informale, dialogo interculturale e cittadinanza europea: programmi, strumenti e progettazione europea 3. Educazione non formale e alfabetizzazione linguistica: analisi delle relazioni tra cambio sociale, inclusione/esclusione, discriminazione 4. La creazione di un forte Network di persone e di organizzazioni attente a sviluppare le tematiche del Grundtvig Workshop.

Il Grundtvig Workshop è stato tenuto da due trainer esperti nel settore dell’educazione non formale e rappresentanti di MVNGO, il Dr Roberto Solinas e la Dr.ssa Maria Grazia Pirina.

L’evento ha avuto luogo presso l’Hotel Mare Blu.

Read more
Facebook