info@minevaganti.org

Blog

Capacity Building Youth “Women empowerment through sport”

Women Empowerment through Sport (WEtS)

Pagina Facebook del Progetto

“Women empowerment through sport” (WEtS) è un progetto Erasmus Plus Youth della durata di 24 mesi coordinato dall’organizzazione bulgara”Champions Factory”, nel quale MVNGO è partner come componente di un Consorzio ineternazionale di 6 organizzazioni da Europa (Italia e Bulgaria), Africa (Kenya e Tanzania) ed Asia (Nepal e Cambogia).

La discriminazione e le diseguaglianze di genere sono un fenomeno conosciuto e di proporzioni endemiche in Europa e nel mondo. Il carattere patriarcale caratterizzante le relazioni familiari e le relazioni sociali nei paesi partner, congiunto ad una diffusa mentalità conservatrice a livello locale, agisce come un ulteriore catalizzatore di sanzione sociale a supporto di fenomeni di discriminazione, stereotipizzazione ed abuso, a rischio di auto.-perpetuarsi tramite la trasmissione alle giovani generazioni.

Il progetto aspira a sviluppare, testare e diffondere nuove metodologie educative per l’empowerment femminile attraverso lo Sport, con l’obiettivo di incrementare le capacità delle organizzazioni partner e degli altri soggetti coinvolti..

Gli obiettivi di WEtS sono:
– Sviluppare la consapevolezza circa l’impotanza dell’empowerment delle giovani donne
– Condividere, trasferire, migliorare e sviluppare strumenti e processi di Empowerment attraverso i metodi dello Sport
– Formare gli youth worker ed i youth leader tramite le metodologie dell’educazione non formale nell’utilizzo dello Sport come strumento di empowerment per le giovani donne
– Tramite la partecipazione al progetto, gli Youth worker svilupperanno conoscenze, comprensione e basilari abilità per promuovere ed incoraggiare l’empowerment femminile, al tempo stesso sviluppando la propria comprensione circa i benefici educativi dello Sport e dell’attività fisica
Spezzare i pregiudizi
Promuovere i valori culturali ed etnici e superare i pregiudizi di genere
– Creare una pagina web, un handbook con buone pratiche (programmi e workshop) ed un video, che possano essere utilizzati sia dalle organizzazioni partner che dalle altre organizzazioni impegnate nel settore.

WEtS comprende le seguenti attività:

1- Kick-off Meeting a Sofia (Bulgaria)

Partecipanti: 18 Youth worker (3 per partner organization)

2- Training Course “Sport-the power of women empowerment” a Nairobi (Kenya)

Partecipanti: 24 (4 youth worker per organizzazione partner)

3- Job Shadowing “Footbal for Empowerment” in Cambogia Phnom Penh)

Partecipanti: 2 youth worker e youth leader per organizzazione partner saranno ospitati dal partner cambogiano. .

4- Campagna di Awareness-Raising a livello locale in ciascun paese partner

Partecipanti: La Campagna sarà portata avanti mediante conferenze, seminari ed eventi. L’obiettivo è raggiungere almeno 80 persone in ciascun paese partner.

5- Transnational Meeting dei Leader a Kathmanduu (Nepal)

Partecipanti: 18 leader (3 per organizzazione partner)

6- Youth Exchange “Youth Power” a Dar Es Salaam (Tanzania)

Partecipanti: 36 giovani da aree svanagiate affetti da ostacoli di integrazione sociale (4 per partner)

7- Conferenza Finale “Women empowerment through Sport” at Sassari (Sardinia)

Partecipanti: 18 youth worker e youth leader (1 youth worker and 2 leader per organizzazione partner)

 

Read more

Big Collaborative Sport “European Everyday of Sport”

European Everyday of Sport

 

Pagina Facebook del Progetto

WEBSITE

MVNGO è un partner nel contesto dell’Erasmus+ Sport Collaborative Partnership “European Everyday of Sport” coordinata dalla NGO bulgara “BulSport”, con il contributo di un Consorzio internazionale di 7 NGO da 7 paesi europei (Bulgaria, Italia, Croazia, Ungheria, Lituania, Polonia, Slovacchia), operanti nei settori sportivo, giovanile e dell’educazione. Il progetto avrà una durata complessiva di 24 mesi.

Il progetto è finalizzato a migliorare la condivisione delle buone pratiche, priorità del programma Erasmus +, individuare e promuovere buone pratiche dalla prima e seconda edizione della Settimana europea dello sport ed incoraggiare la partecipazione allo sport e all’attività fisica. L’argomento più specifico di questo partenariato strategico sarà quello di sviluppare, identificare, promuovere e condividere le buone pratiche.

L’attuale partnership di collaborazione realizzerà varie attività a livello locale, nazionale ed internazionale; si concentrerà nella raccolta, lo sviluppo, l’identificazione, l’analisi e la condivisione delle buone pratiche di promozione dello Sport e dell’attività fisica in Europa ed a livello mondiale che potranno essere facilmente implementate nel lavoro degli esperti nei campi menzionati. Il progetto si concentrerà inoltre sulle attività implementate nella prima e seconda edizione della “European week of sport” e raccoglierà tutte le buone pratiche elaborate nel 2015 e nel 2016 nei paesi membri. Questi strumenti saranno molto utili nella pianificazione delle prossime edizioni del EWoS e di altri eventi per promuovere l’attività fisica a vantaggio della salute attraverso una maggiore partecipazione e parità di accesso, avendo come fine ultimo lo sport per tutti.

Tutte le attività che implementate nel corso del progetto saranno funzionali alla necessità di rivolgersi con particolare attenzione a specifici gruppi ed a mettere a frutto tale opportunità per promuovere un movimento trasversale alle varie categorie e finalizzato a rendere l’attività fisica e lo sport parti della vita quotidiana di un sempre maggior numero di persone in Europa.

Come osservato in precedenti occasioni, gli strumenti per rendere l’Europa una nazione in movimento non sono ancora all’avanguardia in termini di efficacia, come desumibile dall’osservazione dei dati dell’“Eurobarometer” 2009 e 2014. Questa necessità costituisce il nodo cruciale che il presente Consorzio cercherà di affrontare in modo trasversale ai diversi target group (bambini, giovani, lavoratori, persone anziane, persone che vivono in città e piccoli villaggi etc.), ponendo l’accento sull’attività fisica come “medicina positiva” per lo sviluppo personale, professionale e sociale degli individui.

 

 

 

La Presentazione del Presidente di MVNGO alla conferenza finale di Sofia

 

Read more

Capacity Building Youth “Agro-Tourism Itineraty to Sustainable Change”

Agro-Tourism Itinerary to Sustainable Change (ATISC)

Pagina Facebook del Progetto

“Agro-Tourism Itineraty to Sustainable Change” (ATISC) è un progetto di Capacity Building nel settore Erasmus Plus Youth che intende sviluppare l’Agro-Turismo quale strumento di occupabilità giovanile, solidarietà sociale e sostenibilità ambientale in comunità rurali svantaggiate nell’area Europea e dei West Balkans tramite lo sviluppo del patrimonio di competenze e networking delle organizzazioni e degli operatori giovanili, nonché dei giovani e degli stakeholder nel settore delle soluzioni di Agro-Turismo sostenibili. 

Il progetto è coordinato dalla organizzazione kosovara “Let’s Do It Peja!”, con MVNGO nel ruolo di partner. Il Consorzio comprende 6 organizzazioni da Kosovo, Italia, Macedonia, Albania, Spagna e Serbia. 

Le aree rurali in Europa e nei West Balkans sono generalmente caratterizzate da minori opportunità per i giovani in termini socioeconomici. La deprivazione sofferta dai giovani rurali ha natura multiforme ed è collegata a diversi fattori strutturali, tra i quali l’isolamento geografico, il basso livello infrastrutturale e delle comunicazioni, la minore intensità dell’attività economica causata da e fattore causale di minori livelli di investimento pubblico/privato, insufficienti meccanismi di assistenza e supporto per le imprese e per l’occupazione, in particolar modo dei giovani.

L’impellente necessità di un aggiustamento non è in nessun ambito più evidente che nel settore in rapida crescita dell’Agro-Turismo, in cui il patrimonio locale di risorse naturali e prodoti tipici viene ad essere declinato come elemento centrale di specifiche offerte turistiche radicate sul territorio. I recenti trend nell’Agro-Turismo mostrano come la pratica relativa al settore debba, ai fini dell’appetibilità sul mercato, integrare in profondità gli aspetti relativi alla sostenibilità culturale, ambientale ed economica, in un approccio bilanciato che possa assicurare una ricaduta positiva sulla comunità ed al tempo stesso garantire l’attrattiva dell’offerta verso i potenziali consumatori.

Il progetto prevede le seguenti attività:

1-Kick-off Meeting a Peja (Kosovo)

Partecipanti: 12 youth worker, 2 per organizzazione

2- Corso di Formazione “The Agro-Tourist Challenge” a Peja (Kosovo)

Partecipanti: 24 youth worker and youth leader (4 per organizzazione)

3- Corso di Formazione “A Green Stake” a Sassari (Italia)

Partecipanti: 24 youth worker e youth leader (4 per organizzazione partner)

4- Fase di Attività Locali in tutti i paesi partner

Partecipanti: 25 disadvantaged youngsters in each partner country

5) Conferenze Locali di Stakeholder in tutti i paesi partner

Partecipanti: 25 giovani svantaggiati da aree rurali di età 18-25 in ciascun paese partner

6) Creazione di una Piattaforma Web di progetto

7) Meeting di Valutazione Finale a Sassari

Partecipanti: 12 youth worker (2 per organizzazione)

 

 

Read more

Small Collaborative Sport “Young Ambassadors for Sport and Volunteering”

Young Ambassadors for Sport and Volunteering

Pagina Facebook del Progetto

WEBSITE

Mine Vaganti NGO coordina la Collaborative Partnership “Young Ambassadors for Sport and Volunteering”, comprendente un Consorzio internazionale di 3 organizzazioni da Danimarca (TIK Volley) Bulgaria (BulSport) e Polonia (Regional Volunteer Center of Kielce).

Principale obiettivo del progetto è promuovere attività di volontariato nello sport, insieme all’inclusione sociale, alle pari opportunità ed alla consapevolezza circa l’importanza dell’attività fisica per la salute attraverso una maggiore partecipazione e parità di accesso a tutti gli sport.

Il coinvolgimento dei volontari nello sport è un fattore chiave per il successo e la sostenibilità a lungo termine dei club, delle organizzazioni e degli eventi sportivi. Le organizzazioni sportive e i club in tutta Europa svolgono un ruolo cruciale nell’incoraggiare e coinvolgere le persone nell’ottica dell’incremento del livello di attività fisica nella popolazione. Purtroppo, il basso livello di coinvolgimento civico nelle attività volontarie relative allo sport si presenta come un fattore di allarme. Un sondaggio dell’Eurobarometro indica che generalmente solo il 7% dei cittadini dell’UE è impegnato in attività di volontariato nel settore dello sport.

Il progetto compone un partenariato fra organizzazioni impegnate nel settore dello Sport nei 4 angoli dell’UE creando una squadra di 20 ambasciatori sportivi volontari (“Volunteer Sport Ambassadors”), che saranno formati per operare con il supporto delle organizzazioni partner ai fini di sensibilizzare e promuovere la cultura sportiva e le attività di volontariato nello sport, nonché incrementare la partecipazione alle attività volontarie nel settore dello Sport e creare le condizioni per un accesso paritario allo Sport per tutti.

Le organizzazioni partner, attraverso gli Ambasciatori Sportivi Volontari, svolgeranno diverse attività con lo scopo di creare consapevolezza circa l’importanza dell’attività fisica ai fini della salute consentita da un’ampia partecipazione ed effettiva parità di accesso allo sport per tutti.

 

Mine Vaganti NGO ha ospitato il Kick Off Meeting del progetto YASV, a Sassari dal 2 maggio al 5 Marzo 2017

 

Training Course Bulgaria Maggio 2017

ì

Gli “Ambassador” di YASV

 

Read more

Capacity Building Youth “A Path to TranSportAction”

A Path to TransportAction

Pagina Facebook del Progetto

MVNGO è partner nel progetto Erasmus Plus Capacity Building Youth “A Path to TranSportAction” (APTSA), coordinato dall’organizzazione croata  “Rijeka Sport’s Association”. Il progetto unisce un partenariato internazionale di 5 organizzazioni da  Europa (Croazia, Italia, Bulgaria) ed America Latina (Brasile e Perù). L’obiettivo principale del progetto è sviluppare la capacità delle organizzazioni  giovanili e degli stakeholder nei diversi paesi partner nell’utilizzo dello Sport, in combinazione con le metodologie dell’Educazione Non Formale. come strumento per favorire un approccio improntato alla sensitività di genere nelle pratiche sportive, contrastando il sessismo e gli stereotipi di genere ed al tempo stesso promuovendo l’eguaglianza ed il mutuo rispetto fra i sessi all’interno delle aree rurali svantaggiate in Europa ed in America Latina.

I bassi livelli di partecipazione femminile nello Sport costituiscono una componente importante nelle dinamiche di svantaggio di genere. Al tempo stesso, gli stereotipi e le rappresentazioni di natura maschilista che permeano la maggior arte delle sottoculture sportive costituiscono sia un effetto che un meccanismo di auto-perpetuazione delle discriminazioni di genere.

Lo Sport costituisce un importante veicolo educativo per la trasmissione di soft skill, abilità trasversali ed attitudini positive di autostima e partecipazione attiva a categorie svantaggiate, in tal modo fornendo delle componenti essenziali per qualsiasi approccio dal basso tendente a sviluppare un processo di empowerment. Mediante le sue dinamiche naturali che stimolano la competizione leale e l’interazione paritaria tra individui dai diversi background, lo Sport garantisce un insostituibile percorso esperienziale per la promozione del mutuo rispetto e la decostruzione dei pregiudizi.

APTSA intende afrontare i fenomeni sopra elencati mediante la produzione di una serie di output nel corso dei 24 mesi della cooperazione.

– Un Format TC finalizzato a fornire agli operatori giovanili le conoscenze, le abilità e gli strumenti di Educazione Non Formale per trasmettere consapevolezza e competenze che possano stimolare la partecipazione femminile nello Sport, il rigetto degli stereotipi di genere ed il rispetto per le differenze fra i sessi e le sensibilità caratteristiche di ciascun genere.

– Uno Scambio Giovanile al cui interno saranno testate le attività sviluppate nel Corso di Formazione, con un gruppi di giovani rurali da ogni paese partner.

– Una fase di Attività Locali in tutti i paesi partner nella quale saranno convolti giovani da aree rurali svantaggiare (30 maschi e 30 femmine).

– Una Piattaforma Web contenente i materiali prodotti nel corso del progetto sotto forma di moduli di e-learning.

Il progetto prevede e seguenti attività:

1- Kick-off Meeting a Rijeka (Croazia)

Partecipanti: 10 youth worker (2 per organizzazione partner)

2- Training Course “Another gender of Sport” a Rijeka (Croazia)

Partecipanti: 20 youth worker and leader giovanili (4 per organizzazione partner)

3- Youth Exchange “Playing Together, Living Equality” a Sassari (Italia)

Partecipanti: 30 giovani di età 18-25 provenienti da aree rurali svantaggiate (6 per paese partner, dei quali 3 maschi e 3 femmine)

4- Fase di Attività Locali in tutti i paesi partner

Partecipanti: 60 giovai locali da aree rurali svantaggiate (30 maschi e 30 femmine) i ciascun paese partner.

5- Creazione di una Piattaforma Web di progetto

6- Final Evaluation Meeting a Porto Alegre (Brazil)

Partecipanti: 10 youth worker (2 per paese partner)

I partecipanti di APTSA hanno sviluppato una prima draft del “Manual on Gender Equality through Sport”, prodotto finale del progetto. 

Manual on Gender Equality through Sport- Draft

I partecipanti participants hanno creato dei metodi originali di educazione basati sulla combinazione tra Sport ed Educazione Non Formale 

Baseball Group Dodgeball with an Edge Human Lego Human Tennis

 
 
 



giornata di attività



Giornata di attività!
Read more
Facebook