info@minevaganti.org

Blog

Capacity Building Youth “Inclusion Through Sport”

Inclusion Through Sport

Website

Mine Vaganti NGO coordina da Aprile 2016 una Capacity Building nel campo della Gioventù, finanziata dall’Agenzia Esecutiva EACEA di Bruxelles.

“Inclusion Through Sport” (ITS) include 12 partners da 4 continenti: Italia (Mine Vaganti NGO), Romania (Surf the Earth Project-Step), Bulgaria (Sporten Klub Chempiyns Faktori), Kenya (DAAC International), Senegal (GNO FAR), Cameroon (Global Compassion), Filippine (Palawan State University), Hong Kong (Cina) (The Gymnastics Association of Hong Kong), India (Baba Bhagwan Dass Educational Society), Guatemala (Techo – Guatemala), Perù (Brigada de Voluntarios Bolivarianos del Peru) e Argentina (Circulo Raices Sardas).

Le attività di ITS sono state implementate in Senegal, Perù, Argentina, Kenya e Italia: Training Courses, Seminari e Job Shadowings.

L’obiettivo del progetto è sviluppare un corso di formazione che verterà anche sull’utilizzo dello Sport come una via per migliorare l’inclusione sociale dei giovani. Un trasferimento di conoscenze multi-direzionale avverrà tra i partner europei ed il resto del mondo. L’idea di ITS è quella di sviluppare un format di Training Course che verrà condiviso come un modello vincente nei 4 continenti e in più paesi.

I risultati intellettuali di ITS sono:

  1. Una Pubblicazione su un Format Training Course (Education Through Sport)
  2. Kit di strumenti delle migliori pratiche ITS
  3. Sito web di ITS

 

Inclusion Through Sport- Kick off Meeting in Italia

Inclusion Through Sport- Seminario in Senegal

 

Inclusion Through Sport- Training Course in Argentina

Inclusion Through Sport- Job Shadowing in Peru

 

Inclusion Through Sport- Job-shadowing in Senegal

Inclusion Through Sport- Final Conference in Kenya

 

Seminario ITS in Argentina

Format TC ITS Publication

Handbook ITS FINAL

 

 

Read more

Capacity Building Youth “Art for Social Change”

Art for Social Change

 

Website

MVNGO è partner nel progetto Erasmus Plus Capacity Building Youth “Art for Social Change”, coordinato dall’organizzazione bulgara Open Space, con la partecipazione di 3 organizzazioni partner: Soul-Xpressions (Uganda), Chamwino Arts Center (Tanzania) e Mine Vaganti NGO (Italia).

Il progetto si dispiega in due differenti edizioni della durata di due anni ciascuna: la prima edizione si é svolta dal 2014 al 2016 e le attività sono state implementate in Bulgaria e Tanzania, mentre la seconda edizione del progetto si sta svolgendo nel biennio 2017-2018, con eventi in Bulgaria, Italia, Tanzania ed a Kampala (Uganda).

L’obiettivo del progetto è quello di supportare le organizzazioni in Europa ed in Africa a sviluppare la loro capacità di lavorare con i giovani per la soluzione della vasta gamma di problemi che incontrano nella loro vita.

Obiettivi:

– Creazione di strumenti per lo sviluppo di capacità di leadership e competenze di base nei giovani (competenze di apprendimento, spirito di iniziativa, competenze sociali e civiche, competenze digitali);

– Svolgimento di lavoro sul campo tramite l’organizzazione di campagne ed attività di informazione, iniziative giovanili a partecipazione internazionale ed azioni locali;

– Analisi e riconoscimento dell’apprendimento non formale e su base indipendente dei giovani e degli operatori giovanili mediante la promozione del lifelong learning e la disseminazione di buone pratiche;

-Promozione di un sistema basato sulla rete per la condivisione di informazioni e risorse educative aperto alle organizzazioni partner ed all’insieme degli stakeholder.

I leader giovanili coinvolti e formati nel corso del progetto si proporranno come parte attiva nell’espansione del raggio di influenza delle organizzazioni partner e nella promozione del cambiamento sociale, supportando più efficacemente i giovani nella vasta gamma di problemi che incontrano nella loro vita.

Il progetto coinvolgerà giovani che versano in condizioni di povertà ed affetti da un grave rischio di abbandono scolastico precoce. Favorendo lo sviluppo della loro immaginazione, creatività, forza interiore e la fiducia in se stessi, dimostreremo come i giovani svantaggiati possano sfuggire alla povertà, diventare elementi attivi all’interno della società e condurre una vita felice, sana e produttiva. Entro la fine del nostro lavoro produrremo una relazione sui risultati e sull’impatto del programma “Erasmus +” nei paesi partner.

 

Read more

KA2 Adults “Educitizens”

EDUCITIZENS

 

MVNGO è partner nel progetto Erasmus Plus KA2 Adults “Educitizens”, coordinato dall’organizzazione tedesca “Comparative Research Network”, con la partecipazione di un Consorzio internazionale di 6 partner: Suomen ympäristöopisto SYKLI oy (Finlandia), Federação das Associações Juvenis do Distrito do Porto (Portogallo), Mine Vaganti NGO (Italia), Yildirim Beyazit Universitesi (Turchia), Stowarzyszenie Pastwisko.org (Polonia), European Geography Association for Students & Young Geographers (Paesi Bassi).

Il progetto ha una durata complessiva di 25 mesi (Settembre 2016- Settembre 2018).

WEBSITE

FACEBOOK

La strategia per la gioventù dell’UE cerca di incoraggiare i giovani a partecipare nei processi democratici e sociali.

I metodi adottati comprendono lo sviluppo di meccanismi per impegnarsi nel dialogo con i giovani e facilitare la loro partecipazione alla definizione delle politiche nazionali e sostenere i modi di “educazione alla partecipazione” fin dalla più tenera età.

Il progetto proposto affronterà quindi gli obiettivi della dichiarazione di Parigi sulla promozione della cittadinanza e i valori comuni della libertà, della tolleranza e della non discriminazione attraverso l’educazione. Nel 2015, il ministro europeo dell’istruzione ha annunciato un supporto specifico all’educazione politica per combattere la radicalizzazione. L’individuazione di buone pratiche nell’educazione alla partecipazione ed alla cittadinanza contribuirà a sviluppare competenze sociali, democratiche e interculturali nei discenti e ne faciliterà anche lo sviluppo del pensiero critico e delle competenze mediali.

In tutta Europa, la partecipazione dei cittadini è spesso ostacolata da una mancanza di informazioni, di comunicazione e di cooperazione tra gli interessati, nonché da un accesso limitato alla conoscenza delle opzioni disponibili per esprimere gli interessi locali. I cittadini e gli stakeholders richiedono pertanto una panoramica degli attuali strumenti e metodi di formazione che possono aiutare a superare tali barriere alla partecipazione.

Tuttavia, negli ultimi anni un vasto numero di strumenti e metodologie è stato sviluppato nei diversi settori dell’istruzione e nei sistemi nazionali. Crediamo che, invece di reinventare i metodi, sia più produttivo valutare quelli esistenti in tutti i settori, individuare le buone pratiche, raccoglierle, rivederle e condividerle in un formato specifico. Di conseguenza, il consorzio del progetto è costituito da partner di diversi settori dell’istruzione, che coprono l’ambito geografico di tutta l’Europa.

Le situazioni concrete in cui i risultati del progetto avranno un impatto sono:

Formazione professionale per gli operatori che lavorano nell’empowerment dei cittadini, soprattutto quelli in condizioni di vulnerabilità (minoranze etniche, persone che soffrono di povertà strutturale, persone disabili, ecc.): Lavoratori sociali, agenti di sviluppo locale, membri di associazione civile, insegnanti e qualsiasi altro professionista.

Educazione degli adulti, nel cui contesto si avverte la necessità di metodi innovativi per potenziare la partecipazione dei cittadini nel quadro di programmi a livello locale.

Altri contesti di formazione, quali l’istruzione superiore, l’educazione primaria e secondaria ed i programmi per la gioventù.

Il summenzionato processo di costruzione di capacità a livello degli insegnanti avrà un ulteriore impatto su tutti i discenti, migliorandone le capacità personali ed in questo modo incrementandone l’occupabilità.

I progetti precedenti dei diversi partner nel contesto delle buone prassi hanno dimostrato che un’analisi transnazionale produce risultati estremamente rilevanti e trasferibili, complementari e velocemente applicabili in altri paesi. Per questo motivo, oltre alla ricerca di risposte a livello europeo sulla partecipazione, il progetto ha carattere transnazionale.

Il progetto si propone di creare una griglia di valutazione per identificare le migliori pratiche nella costruzione della cittadinanza e raccogliere tali pratiche in un manuale metodologico. Questo manuale può essere inteso come un inventario di metodologie per formatori, insegnanti e altre figure professionali di facilitatori per la creazione di linee guida innovative e testate a livello europeo ed in tutti i settori educativi. Il progetto si protrarrà lungo l’arco di due anni e si comporrà di una serie di incontri multinazionali (ogni partner ne organizzerá uno) dove verranno presentati e discussi i metodi costituenti buone pratiche.

La griglia ed il manuale di buone pratiche avranno natura aperta e potranno essere utilizzati da istituzioni operanti in tutti i settori dell’istruzione nell’ambito dell’apprendimento formale e non formale. Il progetto può essere inteso come una pre-valutazione delle necessità di creare e verificare curricula di livello europeo in materia di costruzione della cittadinanza. Il progetto è diretto a formatori e insegnanti di tutti i settori educativi.

Attraverso la condivisione di buone pratiche di partecipazione e cittadinanza ci proponiamo di determinare un impatto su tutti i livelli: amministrativi, organizzativi e educativi. Ci aspettiamo che i partecipanti al progetto possano ampliare le proprie conoscenze riguardo la partecipazione, la formazione e la cittadinanza e su come questi concetti vengono sviluppati in Europa.

Read more
Facebook