Anna Lindh Social Media: the vehicle of a new Democracy held by Youth

Anna Lindh Social Media: the vehicle of a new Democracy held by Youth

Social Media: the vehicle of a new Democracy held by Youth

Menu Altri

10155201_655903644483434_2037734179_n

Ad Aprile 2014, MVNGO ha presentato il libro dell’autore Gianluca Solera “Riscatto Mediterrano” all’Università di Sassari, all’ufficio turistico di Tempio Pausania e ad Olbia presso Officina Creativa

Il libro è lo spunto per migliorare una nostra  proposta progettuale alla Fondazione Anna Lindh

 

C’è un forte legame tra le parole democrazia e dialogo.

La democrazia è innanzitutto partecipazione, l’arte di creare collettivamente un modello alternativo di relazioni sociali, che non possono essere sviluppate senza dialogo.

La nostra idea progettuale prevedeva che giovani provenienti da Italia, Spagna, Bulgaria, Tunisia, Egitto e Marocco affrontassero il tema di come sviluppare una vera e propria partecipazione attiva attraverso una serie di tavoli rotonde tematiche/ laboratori in Italia, durante la prima fase del progetto.

Il tema della partecipazione è assai attuale se prendiamo ispirazione dai movimenti sociali che nei passati 2 anni ha mostrato al mondo intero che esiste un nuovo modo per recuperare la dimensione del dialogo sociale e che è possibile organizzare e canalizzare le energie della società per chiedere una società più inclusiva: la primavera araba, il M5S in Italia, gli Indignados in Spagna dimostrano come la richiesta di una vera democrazia corre parallellelamente alla richiesta di uno sviluppo sociale ed economico che è ormai fortemente basato sulla strategia di social media.

Dopo la prima fase di analisi e dibattiti, ci si prospettava che i rappresentanti dei movimenti citati aiutassero i partecipanti a elaborare strategie e azioni globali nella seconda fase del progetto, da svolgersi in Tunisia.

Il risultato finale di questa fase sarebbe stato la stesura di una serie di strategie suscettibili di utilizzo da parte delle NGO per sviluppare a loro volta strategie di inclusione per aumentare la partecipazione giovanile nelle loro attività; ciò avrebbe contribuito a rafforzare le attività e la rete di NGO coinvolte e le altre parti interessate.