Leonardo da Vinci PLM Learn and Back 2

Leonardo da Vinci PLM Learn and Back 2

Learn and Back 2

Menu Leonardo da Vinci

Il progetto LDV-PLM “Learn and Back 2” ha inteso dare continuità al percorso iniziato con la proposta del 2012.

Learn and Back nasceva da un’analisi delle esigenze di formazione professionale in Sardegna per quanto concerne il terzo settore; dopo gli ottimi feedback in termini di interesse riscontrati a seguito della pubblicazione del primo bando (oltre 200 domande ricevute per 30 borse), abbiamo deciso di arricchire la proposta e le opportunità della prima versione.

Data la mole di richieste ricevute, il Comune di Olbia ha deciso di continuare ad investire in formazione e, di nuovo per mezzo di Mine Vaganti NGO, ha coinvolto altri 3 comuni sardi, l’Università di Sassari e alcune delle più importanti realtà lavorative del settore in Sardegna.

Sono state offerte 47 borse di studio/tirocinio di 12 settimane da svolgere in Irlanda, Francia, Malta, Slovenia, Spagna, Grecia e Portogallo e destinate a soggetti preferibilmente neo laureati o al momento alla ricerca di un impiego, di età compresa tra i 18 e i 35 anni.

Per partecipare bisognava candidarsi attraverso il bando promosso dal Comune e consultabile al link qui proposto.

Abbiamo mantenuto tutta l’offerta relativa a tirocini presso NGO o imprese sociali nel campo dell’euro-progettazione o nel sociale (è rimasta la priorità legata al lavoro con/per diversamente abili con 6 tirocini dedicati in Spagna o a Malta) innalzando sensibilmente la qualità della partnership estera.

L’area tematica principale del progetto è rimasta il terzo settore, ampliando l’offerta formativa a un’ulteriore aspetto che riguarda le fasce più deboli.

Anche nel 2014, dunque, abbiamo individuato una mancanza di professionalità sul nostro territorio comunque legata al “sociale”, ed è relativa all’offerta turistica: il turismo sociale (TS).

Il territorio sardo è da sempre stato sinonimo di turismo (spesso esclusivamente legato a quello di lusso); si è inteso dare l’opportunità ai giovani sardi di formarsi all’estero in un campo meno sviluppato ma con un grande potenziale.

Il territorio risulta essere sprovvisto di figure professionali di tale rilievo che possano diversificare l’offerta con un turismo che favorisce l’incontro e la socializzazione.

Esso è costituito da quell’insieme di attività turistiche capaci di rispondere ad un diffuso bisogno di relazionalità; non si tratta dunque di un turismo rivolto solo a categorie sociali specifiche di persone in situazione di svantaggio.

Fare TS significa rispondere ad un bisogno di socialità, è uno stile di vita, è una scelta di valore da parte degli enti che lo organizzano impegnati, anche attraverso la vacanza, nello sviluppo di legami sociali, nel creare occasioni di arricchimento culturale e di promozione e di valorizzazione delle risorse del territorio.

Il TS spesso è considerato un turismo di serie B, concentrato nei periodi di bassa stagione e destinato a località svantaggiate o inserite in aree depresse.

I numeri dei flussi di questo tipo di turismo dimostrano, al contrario, come esso possa rappresentare, per chi opera nell’offerta turistica, una valida opportunità di sviluppo e di ritorno economico.

“Learn and Back 2” ha rappresentato un’ottima opportunità per acquisire o sviluppare competenze in grado di potersi posizionare sul mercato specifico e poter poi offrire al mercato del lavoro sardo, nel TS e di nuovo in tutto il Terzo Settore, professionisti preparati e competenti.

Per quanto concerne il turismo, questo è stato fatto introducendo un’innovazione nella concezione classica del saper fare turismo.